Biography Nigretti - Giuseppe Nigretti Labyrinths - Arte Poesia Pittura Fotografia

logo sito web giuseppe nigretti
logo sito web giuseppe nigretti
logo sito web giuseppe nigretti
logo sito web giuseppe nigretti
Vai ai contenuti

Menu principale:

BIOGRAPHY

Giuseppe Nigretti è un artista che usa diversi linguaggi: pittura, photo-graphia, performance, installazioni e poesia. È nato nella Chjazze du Pèsce di Trani, dove fin dall’infanzia ha iniziato ad esercitare l’immaginazione e la fantasia nella solitudine dei primi colorati giochi. Nell’età dell’adolescenza ha frequentato l’Istituto Statale d’Arte di Corato, ed ha condotto, sempre a Trani, una vita da contestatore bohémien, con piglio già d’artista, che scandalizzava i ‘benpensanti’ concittadini. Ed è qui che nasce la sua prima silloge photo-graphica ‘Metamorfosi’, 1972. Sempre a Trani ha iniziato anche l’attività di subacqueo, che tutt’oggi pratica.
Attualmente vive e lavora a Padova, dopo aver attraversato dal 1970 Bari, Roma e Padova per frequentare l’Accademia di Belle Arti, che ha completato nel 1974 a Venezia. Nel 1975 è ritornato a Roma, dove, per scelta paterna, ha svolto presso la Scuola Sottoufficiali il servizio militare di leva, che nel 1976 lo ha portato nuovamente a Padova, dove si è fermato per vivere una storia d’amore, dedicandosi con passione anche all’insegnamento della Storia dell’Arte nei Licei.
A Padova ha continuato a lavorare intensamente anche sul piano creativo, ‘giocando’ con la photo-graphia, e con i pennelli. ‘I sensi della memoria’, 1984, è la sua prima silloge pittorica, insieme a tantissimi altri lavori, installazioni e performance.

Nigretti fin dal 1969 ha partecipato a numerose collettive in Italia e all'estero. Numerose anche le sue mostre personali. Diverse sue opere sono esposte in collezioni pubbliche e private sia in Italia che in altre parti del mondo.
Ha ricevuto significativi riconoscimenti e premi sia in campo artistico che poetico: 2016 Premio Letterario Nazionale ‘Andrea Torresano’, Asola - III classificato; 2013 Il Federiciano - V Concorso Internazionale di Poesia Inedita, Rocca Imperiale – finalista; 2011 IX Premio Nazionale di Letteratura e Teatro N. Martucci, Valenzano – finalista; Il Federiciano - III Concorso Internazionale di Poesia Inedita, Rocca Imperiale – finalista; 2003 Premio Letterario Osservatorio, Bari - Menzione d'Onore; 1995 Premio Nazionale di Arte Contemporanea Alessandro Volpi, Pisa - III classificato; 1994 Kostabi World, Painting Contest # New York - II premio; 1977 XI Mostra Nazionale di Fotografia, Padova - I Premio per la Fotografia Sperimentale.
Nel 1996 è stato inserito nel dizionario bio-bibliografico ‘La cultura del 900 a Trani’ ed. Schena. Nel 1994 è stato inserito nell'Archivio Storico di Consultazione dell'Arte Moderna e Contemporanea del Museo delle Arti di Palazzo Bandera - Busto Arsizio. Dal 1981 è inserito nel Kunsthistorisches Institut - Archivio per l'Arte Italiana del Novecento di Firenze. Numerosi critici d'arte hanno scritto in merito alle sue opere su giornali, riviste e cataloghi d'arte.
Dal 2009 è autore e gestore del sito web www.nigretti.it, in cui sono messe a disposizione del pubblico le sue opere visuali, ed anche le sue numerose poesie dal 1994 ad oggi (le poesie giovanili sono andate perse). Inoltre gestisce il blog poetico Diario Di-aria, il Nigretti labyrinths Group su Facebook e il blog poetico-fotografico Echi Poema in Progress.
Dal 1995 sono stati molteplici i suoi reading poetici in manifestazioni pubbliche e private; inoltre, partecipa alle iniziative del P.I.P. (Pronto Intervento Poetico) di Padova. Sue poesie sono state pubblicate su antologie e riviste.

La nuova scrittura poetica di Nigretti inizia nel 1994, quando ha dato addio alla photo-graphia con l’infinita sequenza in bianco e nero di 'Diario Di-aria', reportage sulla riva del mare, là dove le orme, le tracce e i relitti portati dal flusso e dal riflusso delle maree scrivono la storia silenziosa del soggetto. Là dove ha potuto ascoltare il silenzioso canto delle Sirene che lo invitavano alla poesia. Così Nigretti di fronte al bianco silenzioso foglio di carta ha iniziato a registrare la parola poetica, “che su questa distesa carta è il reale”.
Ma sulla riva del mare è rimasto il suo sguardo, mentre le parole poetiche gli apparivano derive, Amare Derive – amare perché in esse la Voce (il corpo, la Cosa) ammutoliva, ma amabili (da amare) perché memori della loro avversa origine. Come egli stesso scrive, “la poesia è il sangue della parola che sgorga dal taglio della voce”.
The artworks are protected by Licenze Creative Commons 4.0
logo creative licenze commons
webmaster giuseppe nigretti © all rights reserved 2009 R. 12.0/2017
logo blogger      logo flickr      logo facebook      logo google+      logo linkedin      logo youtube      logo twitter
search in labyrinths
search engine by freefind
icona email labyrinths
icona print labyrinths
logo blogger   logo flickr   logo facebook   logo google+   logo linkedin   logo youtube   logo twitter
The artworks are protected by Licenze Creative Commons 4.0 logo licenze creative commons
webmaster giuseppe nigretti © all rights reserved 2009 R. 12.0/2017
The artworks are protected by Licenze Creative Commons 4.0 Logo Licenze creative Commons  webmaster giuseppe nigretti © all rights reserved 2009 R. 12.0/2017
logo blogger     logo flickr     logo facebook     logo google+          logo youtube     logo twitter
search in labyrinths
search engine by freefind
The artworks are protected
by Licenze Creative Commons 4.0 logo licenze creative commons
webmaster giuseppe nigretti
© all rights reserved 2009 R. 12.0/2017
Torna ai contenuti | Torna al menu